QUALI SONO LE ORIGINI DEL CAPODANNO?

QUALI SONO LE ORIGINI DEL CAPODANNO?

- in Curiosità, Domande e Risposte
3763
0
capodanno-origini
Condividi articoloShare on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Print this pageEmail this to someone

Quali sono le origini del Capodanno?

Non tutti sanno che il Capodanno era una festa di origine pagana che nell’antica Roma segnava la fine dei Saturnalia, celebrazioni dedicate a Saturno (dio della semina e della fertilità) e l’inizio di quelle al dio Giano, dal cui nome trae origine il mese di Gennaio.

Il primo di Gennaio iniziò a designare l’inizio del nuovo anno con il calendario giuliano, promulgato da Giulio Cesare pontefice massimo nel 46 a.C.. In precedenza, l’inizio dell’anno era fissato al giorno 1 Marzo

Il dio Giano era tipicamente romano e non trova riscontro in altre mitologie. Sotto il profilo semantico,il termine Janus significa “porta” (dal latino ianua) e Giano era  considerato dio del principio e della fine di ogni azione. Non a caso è descritto come il dio bifronte, il cui volto scruta il passato ed il futuro, l’inizio e la fine di ogni cosa. Tanto che non era possibile intraprendere imprese militari, commerciali o lavorative e nessuna cerimonia (pubblica o privata) senza essersi propiziati il favore di Giano. Janus proteggeva anche il concepimento ovvero il principio della vita e si riteneva  presiedesse alla nascita del mondo e di tutte le creature. Fu dunque definito Janus Pater, padre di tutti gli uomini, della Natura e dell’Universo.

La festa di Giano, cui venne dedicato il mese di Ianuarius, cadeva il primo di Gennaio, che venne considerato l’inizio del nuovo anno. Nei festeggiamenti di Capodanno, i sacerdoti offrivano a Giano farro e focaccia per propiziare i raccolti del nuovo anno. Il primo di Gennaio, inoltre, i Romani usavano far visita agli amici, scambiarsi doni, fare offerte di focacce e di incenso al dio dell’inizio.
Di Giano si diceva che fosse stato il primo re del Lazio, prima ancora dell’arrivo di Saturno, il quale sarebbe stato ospitato da Giano dopo essere stato detronizzato dal figlio Giove. Per l’ospitalità ricevuta, Giano ricevette dal dio Saturno il dono di vedere sia il passato sia il futuro, all’origine della sua rappresentazione bifronte. Dimora del dio Giano era il colle del Gianicolo, che in latino significa appunto “luogo abitato da Giano”. Da qui il dio avrebbe regnato sui primitivi abitanti del Lazio insegnando loro l’agricoltura, i costumi del vivere civile e il rispetto della legge.

Condividi articoloShare on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Print this pageEmail this to someone

Facebook Comments

Rispondi

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare

L’uomo è veramente sbarcato sulla Luna?

Condividi articolo000 Quando Neil Armstrong mise piede sulla