Costa Rica: il mistero delle sfere di pietra

Costa Rica: il mistero delle sfere di pietra

- in Archeologia Misteriosa
873
0
Condividi articoloShare on Facebook0Share on Google+32.9kTweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Print this pageEmail this to someone

Uno dei più strani misteri dell’archeologia riguarda le misteriose sfere di pietra ritrovate in Costa Rica.

Dal 1930 , sono state repertate e documentate centinaia di sfere di pietra, di dimensioni e diametro variabile da pochi centimetri a oltre due metri. Alcune pesano 16 tonnellate. Quasi tutte  sono fatte di granodiorite , una pietra ignea e molto dura

Questi oggetti sono sculture monolitiche artificiali e fatte da mani umane .
Al momento sono state contate oltre 300 sfere.

Oggi sono utilizzate per decorare edifici pubblici, ospedali e scuole, musei.

Le pietre potrebbero provenire dal letto del fiume Térraba , da dove sono state trasportate da processi naturali e dalle montagne Talamanca . Non sono mai state trovate sfere incomplete o vuote.
Le sfere di pietra della Costa Rica sono state oggetto di speculazioni pseudoscientifiche, fin dalla pubblicazione di Erich von Däniken nel 1971 . Più di recente, hanno guadagnato una rinnovata attenzione a seguito di libri come Atlantide in America- navigatori del mondo antico , di Ivar Zapp e George Erikson ( Adventures Unlimited Press , 1998) , e Il Programma Atlantide : Svelare gli antichi misteri di una civiltà  perduta , da Colin Wilson e Rand Flem – Ath ( Delacorte Press , 2001) .

Questi autori sono stati presenti in televisione, radio , riviste  e pagine web, dove hanno reso un disservizio  al pubblico, travisando se stessi e lo stato delle conoscenze attuali su questi oggetti.

Anche se alcuni di questi autori si sono presentati come gli scopritori degli artefatti, la verità è che queste strutture litiche sono venute alla luce negli anni ’40.

L’indagine archeologica sulle palle di pietra iniziò nel 1943, poco dopo la loro scoperta.

Gli scavi archeologici effettuati nel 1950  hanno riscontrato che le palle di pietra sono associate a ceramiche ed altri materiali tipici delle culture precolombiane del Sud della Costa Rica.

Pertanto, se un mistero esiste, riguarda soltanto la perdita di informazioni sulla loro storia e sulle ragioni culturali che ne hanno determinato la diffusione nel periodo precolombiano. Nulla a che vedere con antichi astronauti, continenti perduti o viaggi transoceanici.

Come abbiamo già detto, questi artefatti non sono di origine naturale, a differenza delle palle di pietra a Jalisco, in Messico, che sono state descritte in un articolo di 1965 Nazionale Geographic. Piuttosto, sono sculture monolitiche realizzate dall’uomo.

Le sfere sono in pericolo fin dal momento della loro scoperta. Molte sono state distrutte dai cacciatori di tesori,  altre erose da processi naturali o utilizzate in attività agricole.

DOVE SONO UBICATE LE SFERE DI PIETRA?

Le palle di pietra sono presenti nel delta del fiume Térraba , conosciuto anche come la Sierpe, Diquis e River, vicino alle città di Palmar Sur e Palmar Norte.

Gli artefatti sono conosciuti da Nord fino a Valle Estrella ed a Sud fino alla foce del Coto Colorado River. Sono state trovate anche nei pressi di Golfito e sulla Isla del Caño . Fin dal momento della loro scoperta, nel 1940 , questi oggetti sono stati utilizzati come ornamenti da giardino. Sono stati trasportati , principalmente su strade ferrate, in tutto il Costarica. Esse si trovano ora in tutto il paese . Ci sono due palle esposte al pubblico negli Stati Uniti, una si trova il museo della National Geographic Society a Washington. L’ altra è in un cortile vicino al Museo Peabody di Archeologia ed Etnografia , presso la Harvard University di Cambridge , Massachusetts .

QUANTO SONO GRANDI?

Le sfere variano di dimensioni, da pochi centimetri a oltre due metri di diametro . E ‘stato stimato che le più grandi pesano oltre 16 tonnellate (circa 15.000 kg).

DI QUALE MATERIALE SONO FATTE?

Quasi tutte le palle sono fatte di granodiorite , una pietra ignea e dura che affiora ai piedi del vicino campo di Talamanca . Ci sono alcuni esemplari realizzati con telline, un materiale duro simile al calcare che si forma da detriti di origine marina, probabilmente provenienti dalla bocca del delta del Térraba – Sierpe .

QUANTE SFERE DI PIETRA ESISTONO?

Samuel Lothrop ha registrato un totale di circa 186 palle in una sua pubblicazione del 1963. Tuttavia, è stato stimato che ci possono essere diverse centinaia di questi oggetti dispersi per la Costarica. E’ stato riportato che un sito vicino Jalaca aveva ben 45 palle, ma queste sono state ora spostate in altri luoghi.

COME SONO STATE COSTRUITE LE PALLE DI PIETRA?

Con ogni probabilità, le sfere sono state ricavate riducendo blocchi di pietra ad una forma sferica, attraverso una meticolosa lavorazione, con forature profonde, levigazione e frattura. La granodiorite da cui sono fatte mostra strati esfoliati quando è sottoposta a rapidi cambiamenti di temperatura. Le sfere potevano essere lavorate con applicazioni di calore (carbone caldo) e fredde (acqua refrigerata) . Quando erano vicine alla forma sferica, venivano  ridotte ulteriormente, levigate  con pietre fatte dello stesso materiale. Infine, venivano lucidate a specchio.

E’ bene precisare che non esistono prove o riscontri sul metodo di costruzione o lavorazione delle sfere.

Tuttavia, il procedimento descritto è simile a quello utilizzato dalle civiltà precolombiane per costruire asce  e statue di pietra.

CHI HA COSTRUITO LE PALLE DI PIETRA?

Le sfere sono state probabilmente costruite dagli antenati dei popoli indigeni che vivevano nella regione al tempo della conquista spagnola. Queste popolazioni parlavano lingue Chibchan, connesse a quelle dei popoli indigeni dell’Honduras orientale a nord della Colombia. I loro discendenti moderni includono i Boruca , Teribe e Guaymí . Queste culture vivevano in insediamenti dispersi , alcuni dei quali contavano 2000 persone. Vivevano di pesca, caccia ed agricoltura. Coltivavano mais, manioca, fagioli, zucche, papaia, ananas, avocado, peperoncino, cacao, e molti altri frutti, tuberi e  piante medicinali.

Vivevano in case che erano in genere di forma rotonda , con fondamenta fatte di ciottoli di fiume arrotondati.

A QUALE PERIODO RISALGONO LE SFERE DI PIETRA?

Le sfere di pietra sono state costruite dal 200 aC al 800 dC . Alcuni reperti, caratterizzati da ornamenti in oro, risalirebbero al 1000 D.C.. e farebbero parte di un periodo più avanzato dello sviluppo delle civiltà indigene.

In definitiva, questi singolari artefatti sono stati costruiti nell’arco di un periodo di circa 1800 anni.

A COSA SERVIVANO LE PALLE DI PIETRA?

Nessuno lo sa per certo. La costruzione delle sfere è cessata al momento della prima colonizzazione spagnola. Sono cadute nel dimenticatoi fino al momento della loro scoperta, nel 1940.

Molte delle palline sono risultate essere  allineate, formando composizioni di linee rette e curve, come triangoli e parallelogrammi. Un gruppo di quattro palle venne trovato  disposto in una linea orientata verso nord. Ciò ha portato alcuni speculatori a presumere che i costruttori delle sfere avessero familiarità con in campi magnetici e fossero dotati di avanzate conoscenze astronomiche.

Purtroppo , queste  composizioni geometriche sono state irrimediabilmente alterate quando le sfere sono state spostate dalla loro posizione originale. In conseguenza è oggi quasi impossibile determinare la loro effettiva posizione ed il loro allineamento. Molte sfere , alcune delle quali  allineate , sono state trovate sulla cima di bassi tumuli . Ciò ha portato A considerare che esse potevano avere funzione di travi portanti all’interno delle abitazioni costruite su tumuli di terra.

Ivar Zapp ha supposto che le sfere fossero veri e propri dispositivi di navigazione orientati verso l’ Isola di Pasqua e Stonehenge. Si tratta, tuttavia, di una supposizione errata, dal momento che tutte le sfere di pietra si trovano in una zona troppo lontana dal mare per poter fungere da punto di osservazione, con conseguente impossibilità di garantire una rotta anche vagamente precisa o utile.

CONDIZIONE ATTUALE DELLE SFERE DI PIETRA

Tutte le sfere  sono state spostate dalla loro posizione originale, distruggendo informazioni importanti sul loro contesto archeologico e su possibili allineamenti . Molte delle palline sono state fatte esplodere da cacciatori di tesori che credevano al loro interno fosse presente oro o altri beni preziosi.

Altre sfere, posizionate su terreni agricoli,  sono state utilizzate nei campi e danneggiate dai processi di erosione, che ne hanno provocato la frattura, alcune volte dividendole in due.

Altre palle di pietra sono state lanciate in canaloni e dirupi, o  in località marine subacquee (come accaduto ad Isla del Caño) . La stragrande maggioranza sono state trasportate lontano dalla loro zona di origine, separandole maggiormente  dalla cultura dei discendenti dei loro creatori.

TEORIE ALTERNATIVE SULLA NATURA, ORIGINE E FUNZIONE DELLE SFERE DI PIETRA

Sulle sfere di pietra sono state avanzate ipotesi ed illazioni alternative, che tratteggiano un contesto di riferimento spesso sfociato nella disinformazione ma comunque stimolante per gli spunti di riflessione che propone.

La dimensione delle sfere

In un articolo pubblicato su Atlantis RisingGeorge Erikson afferma che le palle di pietra peserebbero fino a 30 tonnellate e misurerebbero fino a tre metri di diametro”.  Secondo Samuel Lothrop , autore del più vasto studio sulle palline , ” una palla di 6 piedi è stimata a circa 7,5 tonnellate, mentre una palla da 4 piedi a 3 tonnellate ed un esemplare di 3 metri a 1,3 tonnellate “. Lothrop appura che la sfera di pietra  più pesante raggiunge le 16 tonnellate . Parimenti, la più grande palla conosciuta misura 2,15 m di diametro.

Pertanto, la tesi di Erikson non trova conferma nei dati scientifici ed ufficiali.

Erikson afferma inoltre che questi oggetti “sono sfere perfette indipendentemente dal loro diametro e circonferenza”. Questa affermazione non è corretta. Nessuno è stato in grado  di misurare una sfera di pietra con un sufficiente grado di precisione. Né Ivar Zapp né George Erikson hanno proposto un metodo mediante il quale sia possibile farlo.

Lothrop ha scritto: “Per misurare la rotondità abbiamo utilizzato due metodi, né del tutto soddisfacenti. Per quanto riguarda le sfere sepolte nel terreno ed in profondità, abbiamo esposto solo la metà superiore effettuando la misurazione con nastro adesivo e filo a piombo. Ciò ha rivelato che gli esemplari più piccoli, di solito con diametro compreso tra 2 e 3 piedi ( 0,6-0,9 metri), variavano di diametro fino a uno o due pollici ( 2,5 -5,1 centimetri). “E’ chiaro che questo metodo presuppone che la porzione sotto terra sia sferica. Lothrop ha misurato anche le sfere meglio conservate. Egli scrive: ” Evidentemente , le sfere più grandi erano il risultato ed il prodotto  di una lavorazione più meticolosa ed attenta. Infatti,  le misurazioni effettuate con nastro e filo a piombo non hanno rilevato imperfezioni significative e degne di nota.

In sostanza, non siamo in presenza di misurazioni dirette ma di stime matematiche effettuate con sistemi di rilevamento forfettari, che non tengono conto della imperfezione della superficie e delle sue irregolarità e il cui scopo è solo di determinare, nel modo più congruo, diametro e peso dei reperti.

Inoltre, proprio le irregolarità della superficie delle sfere rende praticamente impossibile determinare quale fosse (al millimetro) il loro effettivo diametro quando vennero costruite.

Ciò non di meno, resta il fatto (meritevole di curiosità) della straordinaria perfezione con la quale sono state realizzate.

SUI CREATORI DELLE SFERE DI PIETRA

George Erikson afferma che “gli archeologi attribuiscono agli indiani Chorotega la creazione delle sfere“. In realtà, nessun archeologo ha mai fatto questa affermazione. I Chorotega erano un gruppo indigeno di lingua Oto- Manguean che occupava la regione di Guanacaste , vicino al Golfo di Nicoya in Costa Rica nord-occidentale . I popoli che vivevano nella zona in cui si trovano le sfere erano originari di Chibchan . Le sfere sono state trovate insieme a resti architettonici , quali muri in pietra e pavimenti fatti di ciottoli di fiume, e frammenti di ceramica coerenti con reperti trovati in altri siti ed associati ad Aguas Buenas e culture Chiriquí .

SULLA DATAZIONE DELLE SFERE

George Erikson ed altri hanno insinuato che le palline possono essere datate a 12.000 anni fa . Non ci sono prove a sostegno di questa affermazione. Dal momento che le sfere non possono essere datate direttamente con metodi come la datazione al radiocarbonio, che può essere applicata solo ai materiali organici , il modo migliore per loro datazione sono il contesto stratigrafico e gli artefatti associatiLothrop ha trovato una palla di pietra che si trovava in uno strato di terreno separato da un sottostante deposito,  contenente ceramiche tipiche della cultura Aguas Buenas  ( 200 aC – 600 dC ) . Nello strato di terra successivo ha rinvenuto la testa rotta di una figurina umana policroma di dipinta a Buenos Aires, databile al 1000-1500 dC.

Ciò suggerisce la palla è stata costruita  tra il 600 dC e il 1500.

LE SFERE SONO OUT OF CONTEXT?

Fin dalla loro scoperta nel 1940 , la stragrande maggioranza delle sfere sono state rimosse dai loro contesti archeologici ed utilizzate come ornamenti da giardino in tutto il Costarica. Molte delle palle studiate da Lothrop sembravano  rotolato fuori da tumuli vicini. Diversi sfere erano  coperti da strati di limo fine, a quanto pare dovuto a depositi alluvionali e fenomeni di erosione naturale .

In questo senso, le sfere sono fuori contesto. Sono state trasportate dal luogo in cui si trovavano per essere utilizzate ai fini ornamentali o esposte in luoghi pubblici.

.

Condividi articoloShare on Facebook0Share on Google+32.9kTweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Print this pageEmail this to someone

Facebook Comments

Rispondi

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare

TRE PROBLEMI DA RISOLVERE PER TROVARE ATLANTIDE

Condividi articolo000 Quello di Atlantide, è forse il