VIDEO GIRATO IN CANADA RITRAE UNA MOSTRUOSA CREATURA

VIDEO GIRATO IN CANADA RITRAE UNA MOSTRUOSA CREATURA

- in Criptozoologia
129
0
Rake-Canada-Video
Condividi articoloShare on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Print this pageEmail this to someone

Una sconosciuta “creatura umanoide” è stata avvistata a Gaspésie, Québec, Canada.

Quella che sembra una creatura simile ad un essere umano, senza precedenti, è stata filmata mentre “inseguiva un’alce” e le pubblicazioni sensazionalistiche rimarcano che il video, divenuto virale, ha “scatenato il panico” tra milioni di utenti.
Il video, girato da una residente locale Audrée Tanguay Fréchette, ritrae la bestia che insegue un’alce nelle selvagge terre canadesi. Le immagini, non troppo nitide, mostrano una figura pallida, di aspetto e dimensioni umane, che si muove dietro l’alce. Molti utenti hanno ipotizzato che la creatura “cammina sui suoi arti posteriori come un essere umano, e potrebbe essere il leggendario mostro di Rake“, paragonabile al Bigfoot ed allo Yeti, secondo un rapporto di The Express.

rake-filmato-canada
Un frammento del filmato che ritrae il Rake

Un avvistamento del Rake canadese?

Il leggendario “Rake” è descritto come una “brutale, selvaggia creatura umanoide con caratteristiche canine”, anche se non ha mai aggredito alcun essere umano. Molti sostengono che attacchi senza provocazione usando le sue “lunghe dita a forma di lama” per lacerare le sue vittime.
L’Express riferisce che il video è stato visto online “oltre 102.000 volte” e gli spettatori dei social media hanno fornito una serie di possibili spiegazioni sull’avvistamento. L’autore, rispondendo alla domanda del regista, ha risposto: “Guardando il video ho visto questa strana forma sul retro a sinistra Qualcuno può dirmi di cosa si tratta? In risposta, un commentatore ha scritto: “Sembra trattarsi di una creatura Rake che caccia un’alce”, ma gli scettici, tuttavia, ritengono che il filmato è “fuorviante”, suggerendo che la “creatura” non è altro che “una macchia o un riflesso dell’obiettivo” . Ma questo non spiega perché la creatura si muove nel filmato.


Questa obiezione cela un fondamento di verità. In molte occasioni è stato appurato che i c.d. “mostri Rake” non sono altro che distorsioni visive causate da un evento ben noto a tutti i fotografi.
A volte un piccolo granello di polvere su una lente sembra assumere proporzioni mostruose ed anche spostare la fotocamera di qualche millimetro può generare un effetto simile al movimento.
Questo effetto è evidente anche quando un soggetto è vicino all’obiettivo e lo sposta di alcuni millimetri verso sinistra o destra, coprendo o rivelando a volte intere montagne all’orizzonte. Sebbene migliaia di persone credano che questo video di pessima qualità ritragga il leggendario mostro di Rake, sarebbe bene conoscere alcuni fatti a riguardo, che portano alla totale demistificazione di questa bestia.

Un mostro diventato un mito

Il mito del Rake è iniziato nel 2003, come progetto collaborativo online. Secondo dictionary.com, tutto è iniziato quando un utente di 4chan ha postato immagini invitando altri utenti a contribuire ad elaborare abitudini e tratti fisici di un nuovo mostro. In tal modo, è stata creata, con elaborazione Photoshop, l’identità e la sembianza di una nuova mostruosa creatura.
“Ecco cosa abbiamo ottenuto finora: un umanoide, alto circa un metro e mezzo, che di solito si accuccia e cammina carponi, ha la pelle molto pallida, la faccia è bianca, non ha naso, non ha bocca … Solitamente vive nelle aree suburbane, di solito si limita ad osservare, ma si alza e attacca se qualcuno si avvicina e quando si attacca la sua bocca si apre, come se fosse un teschio incernierato che si apre sul mento.
Ma anche con queste chiare indicazioni che derivano dalle invenzioni della modernità, per molti, il mostro di Rake sarà sempre una creatura reale che si evolverà, nel tempo, in un altro Bigfoot o Yeti.

Condividi articoloShare on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Print this pageEmail this to someone

Facebook Comments

Rispondi

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare

Mostro di Loch Ness avvistato su una app map

Condividi articolo000 Una strana forma simile ad un