Vostok: i misteri del lago

Vostok: i misteri del lago

- in Luoghi Misteriosi
488
0
Lago_Vostok_Misteri
Condividi articoloShare on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Print this pageEmail this to someone

In Antartide, 4000 metri sotto il livello del ghiaccio, è stato individuato il Lago di Vostok, un grande bacino d’acqua su cui gli scienziati stanno svolgendo studi approfonditi. L’interesse per questa ricerca è strettamente connessa alla conoscenza ed alla possibilità di acquisire preziosissimi dati sul passato geologico della Terra. Il Lago di Vostok, infatti, è rimasto sommerso da una gigantesca coltre di ghiaccio nello stato e nelle condizioni in cui si trovava 15 milioni di anni fà.

Il Lago Vostok è un gigantesco bacino d’acqua che si trova in Antartide, sepolto sotto circa 4000 metri di ghiaccio. E’ il più grande lago subglaciale del continente antartico. Gli scienziati hanno sempre sospettato che sotto i ghiacci del continente esistessero laghi subglaciali ed altri misteri.

L’esistenza di questo particolare lago, in prossimità della stazione Vostok in Antartide orientale, fu ipotizzata nel 1960 da Andrei Kapitsa, geografo ed esploratore antartico.

Ma la conferma strumentale della sua esistenza è arrivata solo nel 1993, quando fu eseguita una scansione con un laser satellitare capace di misurare le deformazioni della superficie del ghiaccio.

L’importanza di una tale scoperta è enorme se si considera che il Lago Vostok è stato sigillato sotto la coltre di ghiaccio per circa 15 milioni di anni. Accedere alle sue acque significa ottenere molte risposte circa il passato geologico della Terra e la vita che esisteva milioni di anni fa e che potrebbe ancora esistere.

La domanda è proprio questa: la massa d’acqua è rimasta isolata dall’atmosfera per milioni di anni, con limitate sostanze nutritive e in completa oscurità. Si tratta di un bacino biologico completamente sterile, oppure è possibile trovare dei ‘fossili viventi’? E se così fosse, sarebbe la prova definitive che alcune forme di vita possono prosperare in condizioni estreme, non solo sulla Terra, ma che in altri pianeti ghiacciati?

Nel 2012, dopo 20 anni di perforazioni, gli scienziati russi sono finalmente riusciti ad aprire un canale verticale nel ghiaccio, ottenendo accesso all’antica acqua del lago rimasta sigillata per milioni di anni.

Come riporta un articolo del periodo comparso su Russia Today, gli scienziati hanno raccolto più di 40 litri di acqua, portate poi in Russia per le analisi di laboratorio.

Dopo alcuni mesi di silenzio, qualche settimana fa arriva la notizia che nelle acque del Lago Vostok sono stati trovati batteri sconosciuti. Tutto farebbe pensare alla scoperta di una nuova di vita.

Come riporta Science, le analisi sono in corso di conferma e il team potrebbe avere i risultati definitivi entro l’anno prossimo. Ma la vera scommessa è quella di trovare nel lago organismi più complessi. Gli scienziati non escludono la possibilità di trovare forme di vita animale come i pesci.

Il team, infatti, ha trovato sequenze genetiche di crostacei, molluschi, anemoni di mare e di varie specie di pesci. Ma si fa notare che milioni di anni fa, il lago era in contatto con l’atmosfera, suggerendo che le sequenze genetiche potrebbero appartenere a specie vissute in quel periodo.

Gli scienziati, comunque, non escludono, nè confermano l’esistenza di vita complesso nelle profondità del lago. Tuttavia, anche se sono in attesa di una prova diretta, tutti gli esperti sono convinti che il Lago Vostok sia tutt’altro che sterile.

Fonte

Condividi articoloShare on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Print this pageEmail this to someone

Facebook Comments

Rispondi

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare

LA CASA DELLE ANIME DI VOLTRI

Condividi articolo000 La Casa delle Anime ed i