Le strane apparizioni del fantasma di Bill Beaty

Le strane apparizioni del fantasma di Bill Beaty

- in Paranormale
675
0
fantasma-Bill-Beaty
Condividi articoloShare on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Print this pageEmail this to someone

Nel 1923, un funzionario benestante di nome Bill Beaty e sua moglie avviarono la costruzione di un castello in stile seicentesco su 150 ettari di bosco a Basking Ridge , in New Jersey.

Nel 1930, prima che la costruzione fosse completata, i Beatys si trasferirono nel castello con i loro quattro figli. Ma Bill non avrebbe mai visto il suo sogno realizzato. Appena un anno dopo, morì di polmonite, all’età di 45 anni. Il suo castello sarebbe stato completato solo cinque anni dopo.

Sarah Beaty non si risposò. Allevò tutti e quattro i figli nel castello, dove visse fino al 1941. Dopo di che, il castello fu allestito come scuola per diversi decenni. Nel 1972, Don Burlingame e sua moglie  Carol lo acquistarono.

Carol fù la prima ad avvertire una strana presenza.  Aveva un amico che era una sorta di parapsicologo dilettante, che le riferì che il castello era abitato da una entità spiritica. Carol annuì che era necessario sbarazzarsi dello spirito e propose di effettuare una seduta spiritica. L’esperienza non fù perfezionata in quanto il medium riteneva trattarsi  di uno spirito benevolo e positivo.

Nonostante tutto, il castello era infestato da fenomeni anomali e strani rumori.

Martellanti rumori echeggiavano lungo i corridoi così come passi su e giù per le scale. Don Burlingame e Carol accettarono l’ipotesi che si trattasse del fantasma di Bill Beaty. In una circostanza, Bill dimostrò quanto aveva a cuore il castello. Secondo Carol, lei e Don Burlingame programmarono di uscire fuori dall’edificio.

“Don disse: ‘ È meglio chiudere tutte le finestre, anche perchè dovrebbe piovere. Carol disse che non vi era alcuna necessità e che le finestre potevano essere lasciate aperte.  I due lasciarono il maniero ma, nonostante le previsioni, piovve. Tuttavia, rientrati a casa trovarono tutte le finestre chiuse e neppure una goccia d’acqua in casa. Qualcuno aveva inspiegabilmente serrato gli infissi.

Il fantasma di Bill Beaty sembrava esser dotato di un grande senso dell’umorismo. Carol afferma che gli piaceva giocare con il segnale TV. Durate la visione di alcuni film, in modo imprevisto, le frequenze video cambiavano repentinamente, anche quattro o cinque volte nell’arco di pochi minuti.

A quel punto, si rese necessario indagare sulla storia del castello e venne interrogato Eugene Melville , che lavorava lì da qualche tempo.

Nel 1934 , tre anni dopo la morte di Bill Beaty, Eugene stava aiutando Sarah a ritrovare un braccialetto che aveva perso, quando la figura di un uomo si materializzò sul balcone. Sarah gridò che si trattava di Bill.

Era la figura di un uomo in piedi. Non rimase a lungo e non fù possibile esaminarlo fino in fondo. Sarah, per la paura, non volle più recarsi fuori sul balcone. Era atterrita dall’evento.

Secondo Carol , Bill si dilettava a muovere oggetti.

“Ero sola in cucina . Il pane era sul bancone e non poteva cadere da solo. Tuttavia, cadde a terra ed a notevole distanza dal banco. Come se fosse volato via. Qualcuno doveva averlo spostato. Tuttavia, a parte me, non vi era nessuno in cucina. Ciò mi ha portato a credere che fosse stato lo spirito di Bill a spostarlo “.

Il Dr. Michaeleen Maher, un noto parapsicologo, visitò il castello per svolgere alcune indagini. Maher rilevò l’esistenza di fenomeni inspiegabili ed, in particolare, di una strana ed indefinita entità che dimorava nel castello, responsabile di fenomeni di telecinesi e di eventi che influivano sulla psiche degli abitanti.

Da parte sua, Carol ha imparato a convivere con lo spirito di Bill ed oggi ritiene la sua presenza un fatto amichevole e normale.

Condividi articoloShare on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Print this pageEmail this to someone

Facebook Comments

Rispondi

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare

IL CASO DI DORIS BITHER

Condividi articolo000 Il caso di Doris Bither è