Dannion Brinkley e la sua esperienza di premorte

Dannion Brinkley e la sua esperienza di premorte

- in Paranormale
2057
0
Dannion-Brinkley
Condividi articoloShare on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Print this pageEmail this to someone

Il caso di Dannion Brinkley è molto famoso in America. A suo tempo destò interesse e suscitò scalpore, alimentato dalle dichiarazioni di un medico che, ancora oggi, consideriamo un pioniere delle esperienza di confine: il Dott. Raymond Moody.

Fu proprio il Dott. Moody a coniare il termine Near Death Experiences con l’acronimo NDE, ovvero esperienze di premorte.
Moody iniziò a dedicarsi allo studio dei casi di “tornati in vita” dopo che gli era capitata una infartuata che al “ritorno” gli descrisse tutto ciò che lui aveva fatto per salvarla.
Dannion Brinkley ebbe la sua prima esperienza di pre-morte nel 1975, quando fu colpito da un fulmine.
Si risvegliò 28 minuti dopo, all’obitorio, dopodiché ha voluto condividere con tutti la sua straordinaria esperienza.
Non è più stato lo stesso, qualcosa in lui era cambiato profondamente, radicalmente.
Nel suo primo “viaggio” nell’Aldilà incontrò un essere di Luce che gli fece molte rivelazioni sul futuro ma gli raccomandò soprattutto l’Amore come unica cura per le molteplici piaghe del mondo.
I libri di Dannion Brinkley, le sue tourné e le sue conferenze in compagnia della moglie Kathryn Brinkley, hanno trasformato la coscienza di un gran numero di persone in tutto il mondo.
L’associazione senza scopo di lucro che hanno fondato, la Twilight Brigade/Compassion in Action, addestra i suoi volontari affinché possano dare conforto ai reduci di guerra statunitensi nelle ultime fasi della loro vita.

Condividi articoloShare on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Print this pageEmail this to someone

Facebook Comments

Rispondi

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare

IL CASO DI DORIS BITHER

Condividi articolo000 Il caso di Doris Bither è