Reincarnazione: la storia di Jenny Cockell e Maria Sutton

Reincarnazione: la storia di Jenny Cockell e Maria Sutton

- in Paranormale
1313
0
reincarnazione
Condividi articoloShare on Facebook0Share on Google+33kTweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Print this pageEmail this to someone

Reincarnazione.Esiste una vita dopo la morte?

Questa è la storia di Jenny Cockell , registrata da un  Podologo del Northamptonshire in Inghilterra . Jenny ha colpito l’opinione pubblica per la sua serietà e convinzione, per un temperamento che molti hanno trovato incredibile – qualcuno direbbe impossibile. Jenny Cockell crede di avere vissuto una vita precedente  ed afferma di essere la reincarnazione di una donna irlandese di nome Maria Sutton, morta 62 anni fa.

Questa strana storia iniziò quando Jenny era solo una bambina . Lei si descrive come un bambina vivace e riservata,  perseguitata da uno strano sogno che descriveva la morte di una donna di nome Maria. Ricorda una finestra con molti vetri, una stanza bianca e luminosa in una casa lontana. Spesso, si svegliava di colpo, colta da un forte singhiozzo a causa dei ricordi vividi della “morte di Maria ” . Non tanto a causa della morte in sé , ma a causa delle sue paure – si potrebbe dire prossime al panico – per gli otto bambini che la moribonda stava ” lasciando dietro di sé ” .

I giochi preferiti di Jenny riguardavano le faccende domestiche, proprio come sembrava accadere nel sogno narrante la vita di Maria. Racconta di come fosse contenta di pulire la sua stanza e riordinare i giocattoli. Un altro dei suoi giochi preferiti era fare ” il pane “, cui si dedicava mescolando semi d’erba con l’acqua . Come molti bambini , Jenny era dotata di una buona inclinazione artistica, ed amava trascorrere ore felici disegnando le mappe del villaggio irlandese dove viveva Maria.

Jenny si è descritta come una bambina solitaria, che ha la maggior parte della sua infanzia in uno stato quasi onirico. La sua natura sognante ha segnato il suo percorso scolastico, dove è stata descritta come ” alunna lenta “, nonostante possedesse un elevato quoziente intellettivo tanto che è attualmente un membro del MENSA , la società dei “geni” .

Ipnosi

Anche se i ricordi di Jenny della vita di Maria erano incredibilmente vividi e realistici , li ha sempre reputati soltanto dei sogni . Fù alcuni anni dopo, nel 1988 – quando Jenny era sposata e con due figli – che sperimentò per la prima volta l’ipnosi, che cambiò il suo modo di vedere le cose.

In stato di trance , Jenny divenne MaryHo pianto mentre piangeva …. sapevo che il suo dolore era identico al mioero Mary, e il passato era diventato presente, reale . Sentivo l’odore dell’erba sulle aiuole fuori da una grande casa colonica , e ho respirato l’aria fresca della primavera … Mi sembrava di essere libera di vagare attraverso i luoghi che ho visto – materiali , luoghi vivaci. Sentivo il vento tra i capelli , ho potuto toccare ed annusare l’aria come se fossi lì ” .

L’ ipnosi sembrava suggerire che si trattava di semplici “sogni ” – Poteva essere qualcosa di più ? Potrebbe  essere la prova della reincarnazione ?

Jenny era determinata a scoprirlo. E così cominciò una ricerca, un periodo di inesorabile indagine e meticolosa ricerca . Jenny consultò le mappe dell’Irlanda, cercando riferimenti che andassero indietro nel tempo. Dalla sua ricerca, emerse che in un piccolo paese,  sulla strada di Swords , una volta viveva Mary Sutton – Era la sua Maria.

Emozionata, si recò in l’Irlanda e visitò il villaggio . Anche se alcune cose erano cambiate , molti luoghi erano identici a quelli descritti nei suoi sogni e rinviavano ad una ” vita precedente ” . Il molo che lei ricordava spesso era ancora lì , ma adesso era costruito in cemento , e non aveva più struttura in legno che ricordava. La struttura generale del villaggio era proprio come lei la ricordava , con la macelleria ubicata nel luogo esatto in cui si trovava nei suoi ricordi durante l’ipnosi .

Convinta che i figli di Maria fossero ancora vivi , si premurò a rintracciarli. Pubblicò diversi annunci nel Dublin Evening Post e nella rivista MENSA , ed inviò un questionario al fine di acquisire le conoscenze che cercava . La ricerca condusse a risultati sorprendenti .

Voci da una vita precedente.

Uno dei figli di Maria che Jenny riuscì a rintracciare era Sonny  Sutton, uomo di 75 anni, un irlandese che ora vive a Leeds nel Regno Unito.

Jenny telefonò a Sonny e gli parlò con una certa trasparenza. Fù in grado di descriverlo fisicamente e raccontare  la storia della sua infanzia . Non si trattava di fatti ed episodi generici, ma di un vero e proprio diario, con ricordi particolari e minuziosi, ricchi di dettagli che solo la madre poteva conoscere. Quando la telefonata finì , Sonnny era piuttosto traumatizzato e si rivolse alla moglie dicendo: “‘ Credo di aver parlato con un fantasma … Sono sicuro che ho appena parlato con mia madre . ‘

Quella telefonata portò ad un incontro tra i due. Sonny riferisce di quell’incontro “‘ Non sapevo cosa pensare … Siamo tutti cattolici , cattolici e non credo nella reincarnazione . Ma quando lei si avvicinò e mi vide uscire dalla macchina , ho potuto vedere mia madre. C’era un legame tra noi fin dall’inizio ‘ .

Dopo molte ore di conversazione e ricordi , Sonny giunse alla conclusione che Jenny è la reincarnazione di sua madre Maria . Egli fù in grado di spiegare molti incidenti ricordati da Jenny , le raccontò di come Maria era effettivamente morta di parto e di come suo padre, ubriacone violento, dopo la morte della di Maria aveva collocato in istituto i suoi fratelli e sorelle.

Una vita passata e familiare

Jenny spronata da questo successo ha continuato a cercare gli altri bambini . I fratelli di Sonny, Christy e Francesco, furono ii primi ad essere rintracciati. Poi,  nel 1990 , a seguito di un altro annuncio sul Dublin Evening News , Jenny entrò in contatto con Betty ( Elizabeth) – la bambina per la quale Maria perse la vita durante il parto.

Betty era stato cresciuta dai suoi zii, e fino all’età di 60 anni non le era stato detto che non si trattava dei suoi veri genitori.  Nonostante un’infanzia piacevole, aveva sempre sospettato che qualcosa non andava tra lei e sua “madre”. C’era qualcosa scostante , non la complicità che ci dovrebbe essere tra madre e figlia . ‘

Il prossimo dei bambini da trovare era Phyllis che aveva solo otto anni quando è venne collocato in un convento . Rimase stupito quando scoprì di aver vissuto per 30 anni solo ad un miglio di distanza dalla sorella Betty. Entrambi frequentavano lo stesso centro commerciale.

Fine di un capitolo

L’obiettivo di Jenny era di riunificare tutta la famiglia. Un compito nel quale riuscì mirabilmente . Ora è un’intima amica di famiglia di Betty , che era troppo giovane e non conservava alcun ricordo di sua madre Maria.

Francesco e Christy , sono restii a credere nella reincarnazione a causa della loro fede cattolica. Tuttavia ritengono che la loro madre si manifesti attraverso Jenny ” , che considerano come la loro “seconda mamma ” . Phyllis ritiene che l’anima di sua madre si sia trasferita in Jenny , ed afferma: ‘ Mi sento protetto quando Jenny è con me’.  Sonny , naturalmente , ritiene che Jenny sia la reincarnazione di sua madre , ma tutti sono unanimi nella loro gratitudine per Jenny , che ha riunificato la famiglia .

Jenny racconta la sua storia

Jenny è diventata un’autrice di successo dopo la pubblicazione del suo primo libro ” Across Time and Death” , in cui racconta la storia di quel che crede essere la reincarnazione di Maria Sutton .

Un adattamento cinematografico televisivo del libro di Jenny , è stato trasmesso dalla CBS nel 2000 , con Jane Seymour come protagonista. Nel film , invece , il personaggio di Jenny Cockell non era inglese , ed è stato descritto come una cittadina americana chiamata ” Jenny Cole ” .

Condividi articoloShare on Facebook0Share on Google+33kTweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Print this pageEmail this to someone

Facebook Comments

Rispondi

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare

IL CASO DI DORIS BITHER

Condividi articolo000 Il caso di Doris Bither è