Breve storia di Joseph Merrick, l’uomo elefante

Breve storia di Joseph Merrick, l’uomo elefante

- in Personaggi
2383
0
uomo-elefante
Condividi articoloShare on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Print this pageEmail this to someone

In Inghilterra, nella contea di  Leicestershire e precisamente nella città di Leincester, nel lontano agosto del milleottocentoottantadue Joseph Rockley Merrick e Mary Jane Potterton misero al mondo il piccolo Joseph Carey Merrick.  Il bimbo purtroppo, man mano che cresceva  mostrava segni di strane deformità in varie parti del  suo corpo:  gonfiori sulle labbra, irregolarità sulla lunghezza delle due rispettive braccia, ingrossamento dei piedi e segni di rugosità e pelle ispessita talmente  che, per tali malformazioni,  gli fu attribuito l’appellativo di “uomo elefante”. Ironia della sorte, a causa di una brutta  caduta fatta in tenera età, si aggiunse anche  una spaventosa andatura claudicante e permanente dovuta ad un’infezione non curata ,sopraggiunta in seguito ad una frattura alla anca  sinistra, che non essendo stata curata , gli provocò infezione e quindi uno zoppicamento permanente.

Questo strano ” uomo” destò tantissima curiosità e in molti, professionisti, medici, riviste mediche , alla ricerca di una eventuale patologia,  ne descrissero  il caso rilevandone  molte  congetture sull’evoluzione e la manifestazione di questa sindrome. Dapprima si parlò  di malattia genetica ereditaria( neurofibromatosi di tipo 1 ), successivamente invece questo suo stato morboso fu chiamato  sindrome di Proteo,  anche se  in Gran Bretagna ,all’epoca, era comune l’idea  che le deformità di un nascituro potessero essere  attribuite ad emotività piuttosto forti  e sconvolgenti provate  durante la gravidanza (infatti i familiari e anche la mamma  Mary Jane Potterton era convinta di essersi spaventata quando era in attesa per aver visto  un grosso elefante).  Tornando al piccolo Joseph , la sua infanzia fu travagliata . Quando aveva 11 anni, rimasto  orfano di madre, fu costretto a vivere con il padre, Rockley, il quale, risposatosi,  fu costretto a cacciare il figlio di casa perchè   la  sua  nuova  compagna , padrona della casa e con figli propri, non gradiva  la presenza del ragazzo deforme e con le parole “prendi una decisione: o Joseph, o me” , messo di fronte ad un amletico dilemma, abbracciò la drastica decisione .

E così, il povero Giuseppe  passò dalla casa paterna alla strada, dove drammaticamente venne beffeggiato, insultato,deriso , additato e soggiogato da sorrisetti beffardi  di altri bambini. Inoltre si trovò  costretto, in un primo momento, ad accettare qualunque lavoro saltuario per sopravvivere (  per sopravvivere vendeva lucido da scarpe). In seguito  l’unica possibilità  rimastagli , supportata dalla sua deformità, era essere un “freak da barraccone” ed esibirsi, per guadagnare, come facevano le persone che erano nate o che avevano deformità fisiche.. Ma durò ben poco a causa della riconosciuta illeggittimità ( 1886) dei freak show da parte dell’Inghilterra; si aggiunsero anche le umiliazioni,i  maltrattamenti su altri posti di lavoro simili ( in Belgio   si svolgevano le stesse esibizioni da circo.)   Sconsolato ed afflitto, ritornato nella sua patria, fortemente ammalato ebbe la fortuna di conoscere nella stazione di Londra  un medico chirurgo, il dottor Frederick Treves , il quale lo fece ricoverare presso l’ospedale in cui lavorava ed ivi  rimase  a lungo (fino alla sua morte) , e per un po’  riacquistò la serenità perduta . Aveva soltanto 27 anni quando nel 1890 morì per soffocamento.

Condividi articoloShare on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Print this pageEmail this to someone

Facebook Comments

Rispondi

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare

GERARD CROISET, STORIA DEL PIU’ FAMOSO MEDIUM OLANDESE

Condividi articolo010 Gerard Croiset era un medium, psicometrista e parapsicologo