Gustavo Rol, il più grande sensitivo del secolo

Gustavo Rol, il più grande sensitivo del secolo

- in Personaggi
2395
0
Gustavo Rol
Condividi articoloShare on Facebook0Share on Google+1Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Print this pageEmail this to someone

Gustavo Rol è un famosissimo intellettuale e sensitivo vissuto in Italia ( Torino ) nel secolo scorso ( 1903-1994 ).

« Gustavo Adolfo Rol vive a Torino, è un uomo sensibile capace di imprese che non hanno nulla di normale  e sono impossibili da interpretare. Egli è anche in grado di viaggiare attraverso il tempo , di parlare con le entità che hanno raggiunto l’ oltretomba secoli fa , o di far piombare in un salotto una capra con il suo campanaccio . Un pesante busto marmoreo passò da un caminetto al centro del tavolo, senza il benchè minimo movimento ».

Ecco come lo scrittore e giornalista Enzo Biagi descrisse la misteriosa figura di Gustavo Rol .

Chi era veramente ? E ‘stato definito un sensitivo, un medium , un mago, uno spiritualista , un profeta e così via , anche se ha rifiutato di essere incluso in una qualsiasi di queste categorie. Nel corso di una indagine del 1977  sui fenomeni paranormali , svolta dal settimanale italiano Gente, la sua risposta al giornalista Renzo Allegri , che divenne anche autore della prima monografia di Rol , fu: « Sei sicuro che sono importante per questa indagine? Io sono un uomo comune . Io non ho niente a che fare con quei medium , guaritori o spiritualisti che state intervistando . La mia mentalità è lontana da quel mondo . I miei modesti esperimenti fanno parte della scienza . Sono cose che tutti saranno in grado di realizzare in futuro » .

In una lettera inviata al quotidiano torinese La Stampa , pubblicata il 3 settembre del 1978, Rol scrive : « Ho sempre affermato di non essere un sensitivo , un veggente , un medium , un taumaturgo , o qualsiasi altra cosa del genere. Quello della parapsicologia è un mondo a sé , a cui non appartengo , anche se ho incontrato persone  veramente degne ed animate da nobili intenzioni . Troppo è stato scritto su di me , e quelli che mi conoscono, possono dire come mi sono lamentato nel vedere pubblicata una vasta gamma di fenomeni , piuttosto che ciò che realmente esprimo nel tentativo di dare una spiegazione a queste cose da indagare, come e perché certi eventi meravigliosi possono verificarsi » .

In risposta ad una domanda posta dal giornalista Remo Lugli , Rol disse: « Non credo che io sia un medium , nel vero senso della parola , né un sensitivo. Forse posseggo doti naturali, derivanti da una intuizione profonda ed istintiva di cui sono stato consapevole fin da quando ero un ragazzino ».

Dino Buzzati , scrittore italiano e noto giornalista del 1900 , conosceva molto bene Rol , e nel suo libro ” I Misteri d’ Italia” [ I misteri d’Italia ] (publ : 1978) , cita diversi episodi ed aneddoti . Rol dice : « Io non sono un mago . Io non credo nella magia. Tutto quello che sono e faccio , viene da lì [ e indicò il cielo ] , noi tutti siamo parte di Dio . E a chi mi chiede perché io svolgo tali esperimenti , rispondo : vengono fuori solo per confermare la presenza di Dio » .

Ecco come Buzzati descrive Rol : « Quel che è più sorprendente inRol  è che , all’età di sessantadue sembra almeno dieci anni più giovane , ed ha una straordinaria vitalità e allegria . Insisto nel sottolineare come la sua persona sia espressione di serenità e felicità . C’è ‘come qualcosa di utile che irradia agli altri. Questa è la caratteristica primaria, almeno secondo la mia esperienza in merito a tali uomini, che , nel superare se stessi , hanno raggiunto un alto livello spirituale, e di conseguenza un autentico stato di pienezza. Per quanto riguarda il suo volto è misterioso r difficile descriverlo. Alcuni hanno definito il volto di Rol come quello di un ” bon vivant ” . Non è vero . Potrebbe assomigliare di più al volto di un guru indiano . Altre volte  potrebbe essere quello di un chirurgo , un vescovo o un tenero bambino. Ci aspettiamo di trovare una maschera spaventosa e magnetica . Niente affatto . Qualunque cosa si nasconde dietro quella fronte , almeno a prima vista , non è visibile» .

Anche il Dott. Massimo Inardi , studioso di parapsicologia , fornisce un’interessante descrizione sulla pubblicazione del 10 giugno 1975 nel quotidiano Il Resto del Carlino : « In piedi vicino a Rol si ha l’impressione di stare di fronte a un essere , il cui aspetto fisico e comportamento , e il cuore , sono le caratteristiche naturali dominanti : tutto il resto sembra andare al di là di ogni concezione terrena delle possibilità umane » .

Federico Fellini , noto regista italiano vincitore di 5 oscar (autore de La Dolce Vita ) , è stato grande amico di Rol di . Fellinini ritrae Rol nel seguente modo : « Tutto ciò che  fa Rol è talmente meraviglioso da diventare normale , insomma , c’è un limite allo stupore . In realtà egli chiama ‘giochi’ tutte le cose che fa. Nel momento in cui si è testimoni si è colti dalla stupore. Poi, quando li si ricorda,  assumono una dimensione sconvolgente . Che cosa è veramente Rol ? A chi assomiglia ? Che aspetto ha ? Descrivendo  è difficile. Ho visto un uomo dai modi cortesi, dalla sobria eleganza. Potrebbe essere il Rol che vediamo accanto all’ex Presidente della Repubblica Italiana Giuseppe Saragat, il preside di un liceo di provincia , uno di quelli che scherza con gli studenti e fa piacevolmente finta di essere interessato ai temi frivoli della conversazione . Il suo comportamento è educato , cortese, di una moderazione occasionalmente contraddetta da una felicità  indulgente. Nella conversazione egli parla con un forte cadenza dialettale che esagera volutamente , come Macario, e poi racconta barzellette. Credo che la ragione di questo comportamento stia nella sua preoccupazione costante e lungimirante a sdrammatizzare le lunghe attese , i timori , lo sgomento che si può provare davanti ai suoi traumatizzanti prodigi. Tuttavia nonostante questo ambiente familiare, quest’atmosfera amichevole , nonostante questa apparente ed accomodante leggerezza, in cui si ride inconsapevolmente, cercando di esorcizzare e dimenticare i prodigi i cui si assiste. Nonostante tutto questo, i suoi occhi , gli occhi di Rol , non possono essere guardati troppo a lungo. Sono occhi luminosi , gli occhi di una creatura che viene da un altro pianeta , gli occhi del personaggio di un film di fantascienza . Quando uno fa ‘giochi’ come i suoi , la tentazione dell’orgoglio di una insondabile e misteriosa onnipotenza, deve essere davvero forte . Eppure Rol sa respingerla ed ogni giorno egli si rivela un uomo modesto ed accettabile. Forse perché ha fede e crede in Dio. I suoi tentativi spesso disperati di stabilire un rapporto individuale con le forze terribili che vivono dentro di lui, o per cercare di definire una certa costruzione concettuale, ideologica o religiosa , che gli avrebbe permesso di domare, in un armistizio parziale e tollerabile , il buio e la tempesta magnetica che lo invadono, bloccando e velando i limiti della sua personalità , hanno qualcosa di patetico , ma allo stesso tempo di eroico» .

Gustavo Rol è considerato il più grande ” sensitivo” del 20 ° secolo . Anche se, come abbiamo visto, questo termine non lo definisce sufficientemente . Questo perché nella nostra epoca , almeno in Occidente , la figura di un maestro spirituale non esiste, allo stesso modo in cui è arduo trovare qualcuno che ha posseduto lo stato di illuminazione o risveglio nei paesi dell’area indiana.

Gustavo Rol appartiene a quella categoria di uomini che è difficile trovare attraverso i secoli e che oggi sono senza dubbio estinti. Si potrebbe dire che è stato uno degli ultimi ” illuminati” che abbia mai vissuto sulla terra.

Nel corso della sua lunga vita , durata 91 anni , è venuto a contatto con grandi personaggi storici del 1900 : Albert Einstein , Enrico Fermi , Federico Fellini , Charles De Gaulle , Gabriele D’ Annunzio , Benito Mussolini , Ronald Reagan , Pio XII , Jean Cocteau , Salvador Dalì , Giovanni Agnelli , Einaudi , JF Kennedy e molti altri.

Il suo ruolo era quello di mostrare l’esistenza di ” possibilità ” (come amava chiamare questi “poteri” – che di fatto corrispondono alle siddhi della Tradizione indù ) , che possono essere raggiunte da ogni essere umano e di confermare la presenza di Dio dentro e senza l’uomo stesso . Oltre ad una vasta antologia di prodigi spontanei , ha codificato una originale serie di esperimenti che sono collocati al confine metafisico, dove convergono scienza e religione . Egli ha spesso utilizzato carte da gioco, circostanza che ha fatto insinuare a qualcuno che fosse soltanto un abile prestidigitatore. Tuttavia, nella maggior parte dei suoi esperimenti non toccava nemmeno le carte. Le usava soltanto perchè costituivano il primo e più semplice mezzo per consentire ai neofiti, durante le “serate “, di assistere a quelle “possibilità” in modo rilassante, familiare, divertente e dinamico.

Questo significava che ogni esperimento “semplice” non era di per sé un’esperienza disturbante e traumatica. In generale , le possibilità di Rol spaziavano dalla lettura di un libro chiuso al  viaggio nel tempo ( escursioni nel passato e futuro ), che i presenti sperimentavano durante la serata, dalla veggenza selettiva (osservazione dell’aura energetica che circonda il corpo umano , utile per l’ identificazione delle malattie ) , all’endoscopia ( la visione delle parti interne del corpo ) . Egli è stato in grado di agire dinamicamente sulla materia , in altre parole avrebbe potuto spostare tutti i tipi di oggetti a distanza ( telecinesi ) , o materializzare e smaterializzarli ( produzione / rimozione della materia ) , poteva prevedere  eventi futuri (chiaroveggenza ) , o leggere la mente ( telepatia ) . Ha avuto anche la capacità di guarire i malati a distanza ( l’imposizione delle mani è stato uno tra i sistemi più utilizzati ) , o di trovarsi in due posti nello stesso momento ( bilocazione ) , poteva attraversare superfici solide (come le pareti ) o passare attraverso pareti e corpi solidi, così come riusciva ad estendere o ridurre il suo corpo fisico (poteva diventare un gigante o un nano). Durante i suoi esperimenti – si verificavano apparizioni spiritiche. Questi spiriti non erano solo quelli di persone morte , infatti Rol  sosteneva fermamente che i morti non sono in mezzo a noi . Quello che gli uomini chiamano spiriti , non sono altro che i residui psichici lasciati dal defunto al momento della morte . Infatti, i residui psichici sono lasciati come i residui organici sono emessi dal corpo dopo la morte.

Questo residuo è stato chiamato da Rol ” spirito intelligente ” , ed ogni Tradizione Metafisica sa di cosa si tratta . Secondo Rol ogni cosa ha uno spirito , ma lo spirito dell’uomo è uno spirito intelligente , per le superiori possibilità che la sua la natura gli ha concesso . Il rapporto tra Rol e gli spiriti non aveva nulla a che fare con questioni medianiche , era invece qualcosa che non era diverso da alcune pratiche egizie e sumero -babilonesi. Infine, Rol produceva altri due tipi di fenomeni particolari, la proiezione a distanza di figure o scrittura ( soprattutto su grafite) e su qualsiasi superficie , e dipinti a distanza, dove i pennelli si muovevano e dipingevano autonomamente. Rol prendeva in mano un pennello e, trovandosi a diversi metri di distanza dalla tela, muoveva il pennello nell’aria mentre bellissimi ritratti o opere d’arte prendevano forma. Rol affermava che questo fenomeno si verificava con l’aiuto dello “spirito intelligente ” di pittori morti da tempo ( Ravier , Picasso , Goya , etc . ) . Pertanto , chi era Rol ? Era un Maestro Spirituale il cui risveglio della luce interiore ha permesso di espandere le normali possibilità umane?

Qual era il suo ruolo, la sua missione? Forse confermare la presenza di Dio in un’epoca di grande materialismo e di dimostrare che il divino non è irraggiungibile o lontano dall’uomo , ma è invece a portata di mano ogni volta che lo si vuole cercare.  Inoltre attraverso la scienza ( la Scienza Sacra , la Musica, sintesi di tutte le scienze ) ha anche indicatola strada da seguire:

« È grazie a questo che speravo che la Scienza avrebbe potuto aiutarmi a riconoscere e codificare questi poteri, che ogni uomo possiede , e sarà la scienza stessa che rivelerà queste possibilità rendendole accessibili a tutti gli uomini … ».

Gustavo Rol non era un semplice sensitivo.

Condividi articoloShare on Facebook0Share on Google+1Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Print this pageEmail this to someone

Facebook Comments

Rispondi

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare

GERARD CROISET, STORIA DEL PIU’ FAMOSO MEDIUM OLANDESE

Condividi articolo000 Gerard Croiset era un medium, psicometrista e parapsicologo