Jeffrey Dahmer Aka. Il mostro di Milwaukee

Jeffrey Dahmer Aka. Il mostro di Milwaukee

- in Serial Killer
887
0
Dahmer_mostro
Condividi articoloShare on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Print this pageEmail this to someone

Jeffrey Dahmer Aka. Il mostro di Milwaukee

Jeffrey Dahmer, il mostro di Milwaukee, uccise diciassette uomini tra il 1978 e il 1991 . La maggior parte delle sue vittime erano giovani , omosessuali o bisessuali uomini neri , che Dahmer sottoponeva a violenza sessuale prima di assassinarli.

Dhamer ha raggiunto la notorietà dopo il suo arresto, a seguito della scoperta dei corpi in decomposizione di alcune vittime, trovati nel suo appartamento, dentro vasche piene di acido. Gli investigatori trovarono teste mozzate nel frigorifero ed altre parti del corpo umano intorno alla sua casa , nonchè un altare con candele e teschi umani. Uno scenario macabro ed apocalittico.

Dahmer riprendeva fotograficamente ogni tappa della morte della proprie vittime, compresa ogni fase degli atti sessualmente espliciti con cui si è esibito.

La spiegazione offerta da Dahmer  fù che stava tentando di togliere il libero arbitrio alle sue vittime per creare un ” automa ” , conforme ai suoi desideri sessuali .

Molte persone sono rimaste indignate e disgustate quando appresero che la polizia scoprì che una delle vittime di Dahmer era riuscita a fuggire dal serial killer. Si tratta di Konerak Sinthasomphone, un ragazzo minorenne che venne trovato ancora vivo ma gravemente ferito da Dahmer. Dahmer riferì agli inquirenti che Konerak era il suo adulto amante omosessuale , che aveva 19 anni , ed aveva bevuto troppo. In realtà, il ragazzo aveva solo 14 anni .

Nel 1991 , un altro uomo , Tracy Edwards, riuscì a fuggire dalla casa di Dahmer ed a raggiungere una macchina della polizia . La Polizia fu condotta a casa di Dahmer , dove sono stati trovati i resti di undici vittime.

Dopo essere stato accusato di quindici omicidi , Dahmer rese una dichiarazione di colpevolezza, ma folle. Durante il processo è stato catalogato l’elenco delle sue perversioni e comprendeva : teschi, cannibalismo, impulsi sessuali incontrollabili, perforazione di crani su vittime viventi , necrofilia. Era quasi sempre ubriaco e creò un vero e proprio santuario composto di resti umani. Lobotomizzava le vittime, ancora vive, o le disidratava completamente.

Il tribunale di Milwaukee condannò Dahmer a quindici ergastoli , con una pena di 936 anni di reclusione.

Dahmer, in carcere, era in coppia con due uomini molto pericolosi: Jesse Anderson , un uomo bianco che aveva ucciso ed un uomo di colore , e Christopher Scarver , uno schizofrenico delirante che pensava di essere il figlio di Dio , recluso  per omicidio di primo grado .

La mattina del 28 novembre, 1994 , i tre uomini furono lasciati soli mentre lavoravano. Venti minuti dopo , le guardie tornarono e trovarono Dhamer con la testa di schiacciata, e nelle vicinanze il corpo di Anderson ferito a morte.

Scarver ha affermato che Dio gli aveva detto di uccidere i due uomini .

Jeffrey Dahmer, il mostro di Milwaukee, è stato dichiarato morto alle 09:11

Condividi articoloShare on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Print this pageEmail this to someone

Facebook Comments

Rispondi

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare

Vincenzo Verzeni: il primo serial killer italiano.

Condividi articolo000 VINCENZO VERZENI: IL PRIMO SERIAL KILLER