John Wayne Gacy: il Killer Pagliaccio

John Wayne Gacy: il Killer Pagliaccio

- in Serial Killer
1525
0
killer_pagliaccio
Condividi articoloShare on Facebook0Share on Google+33kTweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Print this pageEmail this to someone

JOHN WAYNE GACY – IL SERIAL KILLER PAGLIACCIO

John Wayne Gacy amava vestirsi da Pagliaccio per intrattenere i bambini. Gacy era visto come  una persona disponibile e generosa, laborioso, uomo carismatico che dedicava la sua vita alla famiglia ed alla comunità. Apparentemente, tutto sembrava tranne che un serial killer.

John Wayne Gacy
Il Killer Pagliaccio

Come accade per molti serial killer, Gacy aveva una personalità ambivalente. Alla fine , è diventato noto come il ‘Killer Pagliaccio ‘,  a causa del tempo impiegato in attività caritatevoli ed in occasione di raccolta fondi , feste per bambini e sfilate dove indossava i costumi di un personaggio che egli stesso aveva ideato.

Un vero serial killer , Gacy era un imprenditore solitario e sadico che amava intrattenere privatamente giovani ragazzi  in modo malato e contorto. Il bilancio finale della sua malvagità  è attestato dai 33 ragazzi adolescenti e giovani che ha brutalmente torturato , violentato ed ucciso tra il 1972 e il 1978 .

Il Modus Operandi del  Serial Killer Gacy

Gacy era un assassino dallo stile originale. Organizzava ed elaborava i propri crimini nei minimi dettagli ed adottava molte  precauzioni. Una volta attivata la propria fantasia omicida , non c’era più modo di tornare indietro.

Il Diavolo si impossessava di lui. Gacy riferì alla polizia che spesso attirava i ragazzi in macchina, afferrandoli con la forza e con promesse sessuali. Li stordiva utilizzando uno straccio imbevuto di  cloroformio. Per evitare che urlassero una volta risvegliati, riempiva la loro bocca di indumenti.  Ad un certo punto, prese l’abitudine di ammanettare le proprie vittime. Le sodomizzava e poi le riduceva in poltiglia. Utilizzava i residui dei corpi per offrire prodotti che spacciava per burro di arachidi e gelatina per panini. Altre volte, strangolava le povere vittime recitando versetti della Bibbia e teneva i corpi con sè fino alla decomposizione. ,

La Cattura del Serial Killer Gacy

L’11 novembre del 1978, il Chicago Tribune comunicò alla polizia , su indicazione di un ex detective, che in un parcheggio dietro la casa della madre di Gacy si trovavano resti umani Le autorità ritennero che potevano esserci fino a quattro corpi sepolti a 3 metri di profondità .

Nel 1978 , la polizia di Chicago identificò finalmente John Wayne Gacy e fece una macabra scoperta . Ventisei corpi furono trovati sepolti nel vespaio sotto la sua casa . Altri tre corpi sepolti vennero trovati nella sua proprietà mentre altri erano stati buttati in un fiume vicino. La moglie del serial killer Gacy , la famiglia ed i tanti ospiti delle feste che venivano organizzate in casa, spesso si lamentavano del fatto che dalla cantina proveniva uno strano e cattivo odore. Gacy si giustificava, affermando che si trattava di topi morti.  Gacy riusciva a mantenere un alter ego segreto. Quando venne arrestato e richiuso in prigione, Johnny Boy iniziò a dipingere coloratissimi quadri raffiguranti un pagliaccio. I suoi dipinti vennero esposti  in gallerie a livello nazionale.

John Wayne Gacy , il Serial Killer Pagliaccio, è stato riconosciuto colpevole il 13 marzo 1980 e giustiziato con un’iniezione letale nel 1994.

L’ex detective Bill Dorsch , ora un investigatore privato , riferì ai pubblici ministeri che, in una notte nel 1975 , trovò Gacy con una pala sporca accanto al vicolo dove era stata avviata una nuova ricerca. ” Mi fermai e dissi: ‘ John , che cosa ci fai qui a quest’ora di notte con una pala ? “‘ .   Gacy rispose: ” Beh, con tutto il lavoro che faccio ,  non ho abbastanza tempo durante la giornata . Così eccomi qui . “

Condividi articoloShare on Facebook0Share on Google+33kTweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Print this pageEmail this to someone

Facebook Comments

Rispondi

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare

Vincenzo Verzeni: il primo serial killer italiano.

Condividi articolo000 VINCENZO VERZENI: IL PRIMO SERIAL KILLER