Hercolubus, il pianeta che potrebbe distruggere la Terra

Hercolubus, il pianeta che potrebbe distruggere la Terra

- in Spazio e Astronomia
2900
0
hercolubus
Condividi articoloShare on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Print this pageEmail this to someone

Ferrada Carlos Munoz, astronomo cileno ha già parlato del pianeta Hercolubus (Pianeta X) nel 1940.

Alcuni scienziati, da diverso tempo, parlano del pianeta Hercolubus (Pianeta X) o Pianeta Rosso. Il primo a discuterne fu l’astronomo cileno Carlos Munoz Ferrada. Questo astronomo cominciò a parlare del pianeta Hercolubus nel 1940 , vale a dire 43 anni prima del famoso articolo sul Pianeta X , apparso sul quotidiano americano The Washington Post nel 1983. E ‘molto singolare che Carlos Munoz Ferrada parlasse di un gigantesco pianeta -cometa: pianeta, perché ha la massa di un pianeta e cometa perchè ha l’orbita ellittica di una cometa. Ricordate le profezie Maya, secondo Fernando Malkún la sesta profezia Maya racconta dell’arrivo di una cometa che metterà in pericolo l’esistenza stessa dell’uomo.

Dicevamo, l’astronomo cileno Carlos Munoz Ferrada (morto nell’ottobre 2001 all’età di 92 anni ) l’11 giugno 1940 annunciò al mondo l’ esistenza di questo pianeta che definì “Pianeta – Cometa”, in quanto presentava la massa di un pianeta con l’orbita di una cometa. Munoz divenne noto nel suo paese perchè, in una conferenza stampa a Concepción, nel dicembre 1938, (all’età di 29 anni), sorprese il pubblico preannunciando un violento terremoto nella città di Chillan per il  24 Gennaio 1939. Nessuno pensava potesse verificarsi ed i suoi avvertimenti vennero presi alla leggera. La previsione di Ferrada derivava dai suoi studi sulla “Geodinamica “. Effettivamente,  il 24 gennaio del 1939, la città di Chillan fù colpita da un terremoto che ha provocò 30 000 morti.

Ferrada, in seguito, ha previsto altri terremoti , come quello del 1945 a Ligua  e del 1985 a Santiago in Chile. Ha inoltre descritto la traiettoria della cometa di Halley. Per spiegare le sue osservazioni e previsioni , Carlos Muñoz Ferrada ha sviluppato la teoria della geodinamica, che si basa sulla forza di attrazione dei corpi celesti, sulle grandi esplosioni nel Sole ed i cicli di disturbo geofisico. Con questo metodo ha predetto terremoti, eruzioni vulcaniche, cambiamenti climatici, ha scoperto nuovi pianeti e comete, decifrato le loro traiettorie ed altre importanti caratteristiche. Le poche persone che hanno visitato il signor Muñoz Ferrada nella sua tranquilla casa a Villa Alemana di Viña del Mar hanno notato che il suo laboratorio era circondato da strani dispositivi sviluppati e progettati dallo stesso Ferrada. Si narra anche che Ferrada possedeva uno strano dono: entrava in trance quando effettuava le ricerche più delicate, trascrivendo messaggi che si rivelavano coerenti e reali.

Ferrada Carlos Muñoz ha dichiarato che questo ” Pianeta-Cometa” Hercolobulus: 1. Ha un’orbita ellittica come una cometa ed una grande massa come un pianeta, come se fosse un pianeta con una coda. 2 . Si avvicina alla Terra carico di energia cosmica. 3 . Non è conforme alle leggi celesti conosciute. 4. Viaggia tra il nostro Sole ed un Sole Nero a 32000000000 chilometri . 5. Aumenterà a 14 milioni di chilometri dalla Terra . 6 . Il Pianeta-Cometa entrerà nel nostro sistema solare e sarà visto ad occhio nudo e potrà essere fotografato. 7. Il suo arrivo causerà un cambiamento geofisico ed umano , portando cambiamento e distruzione. Ferrada ha fornito altri dati tecnici interessanti.

Il pianeta -cometa si troverà a 14.000 mila chilometri dalla terra, equivalente a 36,36 della distanza della Luna alla Terra. Questa distanza non sarà sufficiente a prevenire la catastrofe. Hercolubus potrebbe causare la distruzione del nostro pianeta.

Condividi articoloShare on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Print this pageEmail this to someone

Facebook Comments

Rispondi

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare

IL MISTERO DELL’ESAGONO DI SATURNO. EVENTO NATURALE O ARTEFATTO?

Condividi articolo000 IL MISTERO DELL’ESAGONO DI SATURNO Saturno