Philae scopre molecole organiche sulla superficie della cometa

Philae scopre molecole organiche sulla superficie della cometa

- in Spazio e Astronomia
362
0
philae2
Condividi articoloShare on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Print this pageEmail this to someone

Il lander di Rosetta ha fatto la sua prima sensazionale scoperta dopo il campionamento e l’analisi dell’atmosfera della cometa.

La posizione di atterraggio di Philae ha fatto sì che i suoi pannelli solari non ricevessero luce sufficiente per operare, con conseguente possibilità di andare in modalità sleep nel giro di pochi giorni. Ciò, fino al momento di potersi trovare in una posizione più favorevole verso il Sole.

Per sfruttare al massimo il tempo a loro disposizione, il team della missione ha trascorso oltre 60 ore a condurre operazioni per ottenere immediatamente dati preziosi.

Tra tali risultati vi è la scoperta di molecole organiche appena sopra la superficie della cometa. Questa scoperta potrebbe indicare che i mattoni della vita sono stati inizialmente portati sulla Terra da comete molto simile a questa.

“Abbiamo raccolto una grande quantità di dati importanti, che  potevano essere acquisiti solo attraverso il contatto diretto con la cometa,” ha riferito il direttore scientifico Ekkehard Kuhrt.

“Unitamente al monitoraggio dell’orbita di Rosetta, siamo sulla buona strada per raggiungere una maggiore comprensione delle comete.”

“Le proprietà della loro superficie sembrano essere molto diverse di quanto si pensasse.”

Condividi articoloShare on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Print this pageEmail this to someone

Facebook Comments

Rispondi

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare

IL MISTERO DELL’ESAGONO DI SATURNO. EVENTO NATURALE O ARTEFATTO?

Condividi articolo010 IL MISTERO DELL’ESAGONO DI SATURNO Saturno