Scoperta insolita struttura con la possibile e più antica rappresentazione di Gesù

Scoperta insolita struttura con la possibile e più antica rappresentazione di Gesù

- in Religioni
709
0
immagine gesù egitto
Condividi articoloShare on Facebook0Share on Google+3.8kTweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Print this pageEmail this to someone

Un team di egittologi catalani dell’Università di Barcellona sostiene di aver trovato una delle immagini più antiche di Gesù in una tomba del 6 ° secolo rinvenuta in Egitto.

detriti egitto
I detriti rimossi dal team

L’ immagine, dipinta sul muro di una cripta cristiana copta, raffigura un giovane uomo con i capelli ricci ed una corta tunica, con una mano alzata in segno di benedizione.
La tomba si trova nella antica città di Ossirinco in Al Bahnasa, circa 160 km a sud del Cairo. Precedenti scavi nell’antica città di Ossirinco hanno portato alla luce templi dedicati ad Osiride, il dio egizio della vita dopo la morte, ma l’esatta natura dell’ultima scoperta ha lasciato gli esperti perplessi  ma eccitati.
La cripta è stato scoperta all’interno di una struttura sotterranea di 8 x 3,75 metri, del cui scopo i ricercatori non sono sicuri. La struttura in pietra è stata trovata in ottime condizioni, con pareti dotate di nicchie. Anche se il team di ricerca non sa per cosa è stato utilizzato  la sua ” importanza sembra indiscutibile ” , secondo il capo della spedizione , Josep Padró , che ha trascorso oltre 20 anni ad effettuare scavi nella zona. Una possibilità , secondo Padró , è che si tratta di un Osireion o Serepeum (tempio del dio Serapide , la forma ellenizzata di Osiride).
Gli scavi della struttura hanno comportato un massiccio sforzo per rimuovere i detriti molto pesanti ( oltre 45 tonnellate), in un’operazione meticolosa supervisionata da un architetto ed un ingegnere . I ricercatori ritengono che i detriti sono stati messi lì di proposito, forse per proteggere la tomba da saccheggiatori .
La squadra ha dovuto rimuovere più di 45 tonnellate di detriti.

guarigione del paralitico
La guarigione del paralitico

Il gruppo di ricerca ritiene che la camera sepolcrale apparteneva ad una famiglia sacerdotale di uno scriba, come provato dalla scoperta di un calamaio ancora pieno di inchiostro. ” I muri sono coperti con 5 o 6 strati di vernice , l’ultimo corrispondente al tempo dei primi cristiani copti “, ha detto Padró . E “potrebbe essere un’immagine molto primitiva di Gesù Cristo , simile a quelle trovate nelle catacombe romane , pur non escludendo che potrebbe corrispondere ad un Santo. “
Se dovesse trattarsi di un immagine di Gesù , il che può essere stabilito solo dalla traduzione delle iscrizioni copte intorno all’immagine, sarebbe tra le prime rappresentazioni conosciute di Gesù .
Il più antico ritratto conosciuto di Gesù , noto come ‘La guarigione del paralitico ‘ , è stato trovato in Dura- Eurpos , Siria e risale a circa il 235 dC. Essa mostra Gesù come un giovane imberbe dall’aspetto autorevole e dignitoso. Egli è raffigurato vestito con lo stile di un giovane filosofo , con i capelli cortissimi ed indossa una tunica ed un mantello – segni di buona educazione nella società greco-romana. Da questo, è evidente che alcuni dei primi cristiani non hanno prestato attenzione al contesto storico di Gesù e lo visualizzarono solo nei termini del proprio contesto sociale, come una figura quasi eroica.

Il Ministero della Cultura egiziano sta assumendo la direzione dei lavori presso il sito archeologico. Attualmente , il quadro rimane protetto , mentre le traduzioni sono in corso. Si spera di far luce su l’immagine e la funzione della struttura enigmatica.

Condividi articoloShare on Facebook0Share on Google+3.8kTweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Print this pageEmail this to someone

Facebook Comments

Rispondi

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare

Il misterioso velo di Veronica: opera d’arte o miracolo?

Condividi articolo000 Il misterioso velo di Veronica: Manufatto