Le misteriose linee di Nazca: strade sacre, animali spirituali o fonti d’acqua?

0
345

La civiltà di Nazca prosperò dal 200 a.C. circa al 600 d.C. nelle aride pianure del sud del Perù. Praticava l’irrigazione intensiva nei principali centri abitati e costruì due grandi complessi urbani le cui rovine rimangono fino ad oggi visibili. I Nazca sono anche noti per le loro splendide ceramiche e tessuti. Ma ciò per cui sono più famosi sono i geoglifi comunemente indicati come le linee di Nazca.

Ci sono stati molti tentativi di spiegare lo scopo delle linee di Nazca, che vanno dall’essere rappresentazioni di costellazioni all’idea che fossero piste di atterraggio per antichi aeroporti. Oggi, la spiegazione scientifica più probabile per le linee di Nazca è che fossero percorsi realizzati per le processioni religiose.


Il mondo antico di Nazca


La civiltà di Nazca era formata da capi autonomi che si riunivano occasionalmente per una causa comune. Per questo motivo, non vi era alcuna centralizzazione politica. Ciò si riflette nella mancanza di urbanistica o di grandi progetti centralizzati. Un altro esempio di ciò sarebbe che i nuovi progetti di geoglifi di Nazca spesso sovrascrivono e ignorano quelli più vecchi, suggerendo che siano stati costruiti da gruppi diversi in momenti diversi per scopi diversi e che non vi era alcuna autorità di pianificazione centrale.
La civiltà di Nazca consisteva di due grandi centri urbani, una sorta di capitale civile a Ventilla ed una capitale religiosa o cerimoniale a Cahuachi. Ventilla consisteva in aree residenziali a schiera e cortili. Sempre all’interno dell’insediamento si trova una rete di acquedotti sotterranei e cisterne per mantenere un flusso costante di acqua nel deserto arido che lo circonda.

Cahuachi è costituito da numerosi tumuli sacri, il più grande dei quali è chiamato “Il Grande Tempio”. Il complesso di Cahuachi è il più grande dei due, si estende su 11 chilometri quadrati invece dei solo 2 chilometri quadrati (0,77 sq. mi) per Ventilla. Il motivo per cui divenne un sito sacro potrebbe risiedere nel fatto che si trattava di un territorio con una fonte d’acqua perpetua.
La civiltà di Nazca prosperò brevemente. Nei siti di sepoltura di Nazca sono state trovate piume di uccelli della foresta pluviale esotica. Lana di alpaca e lama sono state trovate in vari siti di Nazca, anche se i lama e gli alpaca in genere non possono sopravvivere nel clima arido in cui vivevano i Nazca. Ciò suggerisce che Nazca avesse una vasta rete commerciale che raggiungeva la maggior parte delle principali zone climatiche del Perù, tra cui il deserto, gli altopiani e le foreste pluviali.

Immagine aerea delle linee di Nazca, Perù.

La civiltà di Nazca subì una grave siccità nel V secolo d.C., che lasciò la popolazione indebolita. Alla fine furono conquistati dai Wari. Sebbene i Nazca continuassero ad esistere dopo l’arrivo dei Wari, divennero solo un popolo conquistato. Tuttavia, Nazca ha lasciato segni sul paesaggio del Perù meridionale che sopravvissero di gran lunga al dominio di Nazca o Wari, le misteriose linee di Nazca.

I disegni delle linee di Nazca


Tutti gli studiosi concordano sul fatto che fu la cultura di Nazca a creare le linee di Nazca. Ad esempio, I disegni visibili nelle linee di Nazca compaiono anche su ceramiche e tessuti di Nazca. Alcuni studiosi insistono sul fatto che sarebbero stati necessari velivoli per creare le linee di Nazca. Questo è il motivo per cui in passato sono state elaborate tesi secondo cui le linee di Nazca furono costruite da extraterrestri o atlantidei che utilizzarono aerei o dirigibili.
L’archeologia sperimentale ha, tuttavia, dimostrato che le linee di Nazca sono di facile realizzazione utilizzando gli strumenti disponibili nella cultura di Nazca dell’Età della Pietra. Possono essere realizzate creando un percorso attraverso il deserto, rimuovendo le rocce ossidate, per rivelare il terreno di colore più chiaro sotto. I progetti visti nelle linee di Nazca possono anche essere costruiti in poche settimane con la giusta quantità di coordinazione, senza l’uso di aeromobili.

Vaso a doppio becco e ponte che mostra il tipico design di Nazca. Perù, Costa meridionale, Nazca, 100 a.C. – AD700

Per quale scopo furono creati i geoglifi?


Sebbene sia generalmente concordato che il popolo di Nazca abbia tracciato le linee, vi sono state molte divergenze sul perché le abbiano realizzate. Gli archeologi e gli antropologi hanno proposto nel corso degli anni molte teorie, tra cui; scopi astronomici e cosmologici, indicazioni per fonti d’acqua, flussi d’acqua, modelli di tessitura (o addirittura usati come telaio gigante con passi estremamente lunghi), una pista di atletica leggera, enormi scritture geroglifiche, rappresentazioni di divinità, tribù o animali spirituali, terapia del lavoro, o una mappa di qualche tipo. C’è anche un seguito per la convinzione che si tratti di una specie di pista aliena per astronavi.

La vista aerea delle Linee di Nazca sembra mostrare l’immagine di un astronauta.

Sebbene ci siano linee e progetti pianificati ovvi, non esiste uno schema generale per l’area. A causa dell’elevato numero di linee (oltre 800) che sembrano non avere alcuna correlazione tra loro, ha senso che le linee siano state realizzate in tempi diversi e per scopi diversi.

Un primo suggerimento fu che furono costruite per essere visibili agli dei che i Nazca credevano esistessero nel cielo e che dovevano rappresentare Costellazioni.

Una mappa delle linee di Nazca che mostra tutte le figure, nonché l’autostrada panamericana che attraversa la zona.

Alcuni sostenitori di queste opinioni hanno persino sostenuto che alcune delle strutture sono allineate con vari oggetti celesti mentre si avvicinano all’orizzonte. Nonostante la popolarità di questa idea, gli archeoastronomi hanno concluso che le prove dell’allineamento sono insufficienti.
Un’ipotesi un po ‘più recente è che le linee di Nazca fossero percorsi per diversi santuari religiosi. Il supporto a questa idea viene dal fatto che altre culture sudamericane nell’area sono note per fare la stessa cosa, creando percorsi cerimoniali e strade per siti sacri.

Gli archeologi che studiano le linee di Nazca hanno scoperto che tendono ad essere nelle immediate vicinanze dei fiumi. Si trovano anche vicino a colline e montagne con sorgenti. Ciò ha portato all’idea che le linee di Nazca avrebbero dovuto mostrare la via per fonti d’acqua e i siti religiosi ad esse associati.


Un altro meraviglioso ed antico mistero


Le linee di Nazca dimostrano come gli umani antichi, nonostante la loro tecnologia primitiva, fossero in grado di fare cose che stupiscono ancora oggi, nell’epoca di aerei, gru, trapani elettrici ed altri macchinari avanzati.

Gli antichi costruirono le Piramidi, Stonehenge, le linee di Nazca, le teste di pietra dell’isola di Pasqua e altre strutture usando poco più che strumenti pre-industriali, corde, bastoni e, naturalmente, cervelli. Tutto ciò di cui avevano bisogno era un motivo sufficiente. Se gli antichi potessero fare cose che sembrano difficili anche con la tecnologia moderna, immaginiamo cosa potrebbe fare la civiltà moderna con la nostra tecnologia molto più impressionante e con la giusta motivazione.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui