Marcahuasi. Vestigia di una civiltà globale dimenticata o solo strane rocce?

0
349

Il mondo è pieno di meraviglie difficili da spiegare. Nel secolo scorso, gli archeologi hanno scoperto molte civiltà, come gli Ittiti, che in precedenza non si pensava esistessero. Di conseguenza, la scoperta di una nuova civiltà è diventata relativamente comune. Un presunto esempio di ciò è la foresta rocciosa Marcahuasi.

All’interno delle insolite formazioni rocciose, molti visitatori hanno affermato di aver trovato ciò che equivale a centinaia di sculture. Ma altri dicono che questi sono solo il risultato dell’erosione naturale; significa che una possibile spiegazione di questo fenomeno è la pareidolia. Uno dei primi esploratori moderni a visitare Marcahuasi in Perù è stato l’archeologo e mistico Daniel Ruzo, che ha visitato il sito nel 1952. Trascorse nove anni esplorando la regione e dichiarò di avere trovato centinaia di sculture umane, così come figurine di animali come cammelli, leoni, foche e rane. Ha anche affermato che alcune sculture sono state realizzate in modo tale da mutare forma in diversi momenti della giornata e dell’anno a seconda di come sono illuminate.

La scultura rocciosa del “Monumento all’umanità” a Marcahuasi.


La Civiltà Masma


Ruzo affermò anche che Marcahuasi aveva vortici di potere curativo, rendendolo un luogo profondamente spirituale. Credeva che fosse stato costruito da una civiltà chiamata Masma, che, secondo Ruzo, un tempo si estendeva su tutto il globo prima di essere distrutta in un cataclisma. Ha usato questo esempio per spiegare perché alcune delle figure sembrano implicare un’origine in diversi continenti – come animali non nativi del Sud America. La storia di Renzo sulla civiltà Masma ha le sue origini nelle credenze di un esoterista peruviano di nome Pedro Astete. Ruzo arrivò a credere che il cataclisma che presumibilmente spazzò via Masma si sarebbe riverificato un giorno e che fa parte di un ciclo che dura da migliaia di anni.

Immagine di una formazione rocciosa di Marcahuasi


Strane ricorrenze a Marcahuasi


Da quando Daniel Ruzo ha fatto queste osservazioni per la prima volta negli anni ’50, molti studiosi hanno visitato la foresta rocciosa di Marcahuasi ed hanno affermato di avvertire una presenza spirituale. Molti hanno anche affermato di aver vissuto esperienze extracorporee, visioni di fantasmi e persino incontri con UFO. Ci sono molte storie di eventi soprannaturali che coinvolgono queste misteriose formazioni. Una di queste storie parla di un uomo che era rimasto paralizzato in un incidente d’auto e di essere miracolosamente guarito dopo aver incontrato un uomo misterioso tra le formazioni rocciose. Sebbene la maggior parte degli archeologi ritenga che siano formazioni naturali, molti teorici e mistici hanno insistito sul fatto che le formazioni rocciose sono artificialmente modificate. Tra le sculture più famose ci sono il “Monument to Humanity“, due statue di regine (una delle quali si dice che sia africana) ed una caratteristica che alcuni credono assomigli ad una divinità egizia sotto forma di ippopotamo antropomorfo. C’è anche almeno una statua che si dice assomigli alla faccia di Marte.

Oltre alle statue, gli esploratori della zona affermano di aver trovato i resti di edifici per uffici e residenze, indicando che una volta ivi sorgeva una città. Si sostiene inoltre che una mummia sia stata trovata nella zona.

Anche se ciò fosse la prova definitiva di una presenza umana nell’area, non significherebbe necessariamente che le formazioni rocciose siano effettivamente statue o che una città sia mai esistita nell’area. Non sembrano essere stati condotti seri sondaggi archeologici nella zona, quindi è difficile verificare se sul sito sia stata effettivamente rinvenuta una mummia.

Sito sepolcrale a Marcahuasi


Dubbi e discussioni


L’uomo che viene più spesso messo in relazione a Marcahuasi è Daniel Ruzo. I suoi metodi non sembrano essere stati molto rigorosi. Era più un mistico che un investigatore scientifico. La maggior parte degli altri studi di Marcahuasi suggeriscono che non ci sono prove di un grande insediamento umano mai esistito nella zona.

Se la posizione fosse stata il sito di una città, è probabile che sarebbero stati trovati strumenti, resti umani, ornamenti, raffigurazioni ed altri oggetti archeologici. Da ciò che è stato trovato, tuttavia, non è stato scoperto alcuno dei tratti distintivi di un insediamento umano, con la possibile eccezione di un corpo mummificato. Se le rocce sono davvero sculture, allora sono l’unica prova di una società complessa a Marcahuasi. In realtà, questo è probabilmente il motivo per cui non vi sono state molte indagini archeologiche sul sito da parte degli archeologi tradizionali; credono che non ci sia molto da trovare. Un altro problema con le presunte statue è che al momento dell’esame è difficile distinguerle da formazioni rocciose naturali che sono state erose. Alcuni studiosi hanno affermato che le sculture cambiano forma sotto una luce diversa in diversi periodi dell’anno. In un periodo dell’anno una formazione potrebbe sembrare una rana e in un’altra parte dell’anno potrebbe essere un uccello.

Rovine e strutture rocciose a Marcahuasi

L’arte si distingue dalla natura pechè rappresenta qualcosa di reale che viene deliberatamente rielaborato. Se la forma di una scultura è così aperta all’interpretazione, ci si chiede se c’è qualcosa lì o se queste statue non iano semplicemente il risultato dell’immaginazione, il che porta ad un’altra possibile spiegazione per le figure apparenti: pareidolia. Pareidolia è una tendenza per gli umani ad elaborare modelli associativi con oggetti reali. Questo è il motivo per molti affermano di aver visto cose come un volto su Marte o il volto di Gesù Cristo su Marte. La nostra mente cerca di dare un senso a tutti gli stimoli sensoriali e mette insieme uno schema che ci è familiare, ma in realtà non esiste.

Se un essere umano preistorico avesse pensato di vedere una tigre nell’erba, sarebbe scappato subito e sarebbe sopravvissuto anche se si sbagliava; mentre qualcuno che non è stato in grado di rilevare uno schema che in realtà esiste, come le strisce di tigre, avrebbe più probabilità di essere ucciso. La pareidolia può essere un’ancora di salvataggio in molte circostanze, reali o apparenti. Se osserviamo abbastanza a lungo, il nostro cervello discernerà uno schema indipendentemente dal fatto che ne esista davvero uno. Di conseguenza, è importante essere scettici ed esigenti quando si tratta di incontrare in natura  cose che sembrano fatte dall’uomo. C’è una buona ragione per pensare che lo sia? È probabile? Altrimenti, potrebbe essere solo pareidolia.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui