Mistero sulla resurrezione di un uomo morto in Sud Africa

0
164

L’uomo al centro di un finto miracolo di resurrezione messo in scena dal predicatore sudafricano Alph Lukau sarebbe morto vomitando sangue, come afferma la sua famiglia.

Il predicatore Lukau avrebbe inscenato la rinascita di “Elliot“, la cui bara era pervenuta nella sua chiesa a Sandton, Johannesburg nel mese di Febbraio.  I compagni di lavoro lo hanno riconosciuto dalle immagini televisive come “Brighton Moyo“, ma la sua famiglia a Lupane, nello Zimbabwe, lo aveva seppellito come Thabiso Proud Mlanje.

Elliot“, la cui presunta resurrezione ha fatto notizia a livello internazionale, è scomparso poco dopo l’evento organizzato nella chiesa dei ministeri dell’Alleluia di Lukau. I suoi vicini di casa, a Pretoria, hanno riferito di un suo trasferimento.

Un giornale locale ha riportato che il 28 enne sarebbe tornato in Zimbabwe l’8 marzo, dopo essersi ammalato.


È stato poi ricoverato alla Clinica Mbembesi il 23 marzo, prima di essere trasferito all’ospedale St Luke di Lupane, dove sarebbe morto il 3 aprile. “Vomitava continuamente sangue. È stata una morte molto dolorosa. Vorrei che qualcuno potesse spiegarmi cosa è veramente successo in Sudafrica“, ha detto sua nonna, Emily Moyo.

Secondo quanto appurato, la polizia sudafricana avrebbe contattato le autorità dello Zimbabwe, per chiedere aiuto nel rintracciare Mlanje, che si ritiene abbia usato un falso nome nel suo ex posto di lavoro. Mlanje e Lukau erano oggetto di un’indagine penale da parte della polizia sudafricana, in seguito alla denuncia  presentata dall’agenzia di pompe funebri Kings and Queens Funeral Services, il cui carro funebre è stato utilizzato nell’elaborato raggiro della risurrezione.
La polizia di Insuza ha dichiarato che i colleghi sudafricani hanno fornito loro i dettagli del caso, citando il numero di riferimento del crimine CR 506/02/19.

Una fonte del distretto di polizia ha detto “Ci hanno riferito che dovevamo ritrovare una cospicua somma di denaro nella disponibilità di Mlanje presumibilmente consegnatagli da Lukau. Quando lo abbiamo trovato, Mlanje era già morto “.
I suoceri di Mlanje hanno affermato di essere stati vittime di pestaggi della polizia, poiché gli investigatori hanno chiesto loro dove avrebbero nascosto i soldi.

Con Mlanje morto, le indagini su Lukau potevano considerarsi chiuse. La famiglia ha fornito una fotografia che secondo loro mostrava Mlanje su un letto d’ospedale pochi giorni prima della sua morte. Sua moglie, Simelweyinkosi, ha insistito sul fatto che non sapeva nulla della sua “risurrezione” ed ha negato che fosse la donna presentata come sua moglie nella chiesa di Lukau.

Il fratello di Mlanje, che vive nel villaggio di Dandanda a Lupane, dove Mlanje è cresciuto ed è stato sepolto accanto da suo nonno il 5 aprile, quando ha visto il video della presunta resurrezione – ha detto: “Quello è Thabiso, lo riconosco.”

Swanepoel, che ha lavorato con Mlanje presso a Pretoria, ha rilevato di non poter affermare con certezza che l’uomo sul letto fosse Brighton Moyo, per come lo conosceva.

“Temo di non poter confermare o negare se quest’uomo è Brighton o meno. Assomiglia molto a lui, ma la forma della testa è diversa. Ciò potrebbe essere dovuto al taglio di capelli. Ho sempre visto Brighton al lavoro, di solito sorridente e animato “, ha precisato Swanepoel a ZimLive.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui