INDIVIDUATA UNA PORTA SU MARTE?

INDIVIDUATA UNA PORTA SU MARTE?
Sharing

La NASA ha pubblicato una foto che sembra ritrarre una porta su Marte.

La Mast Camera del rover Curiosity ha scattato sul suolo marziano una foto che sta facendo il giro del mondo. La foto sembra ritrarre una porta di pietra, simile a quelle ancora oggi visibili tra le rovine dell’antico Egitto.

Cosa c’è di vero e cosa rivela questa inquietante immagine?

Da una semplice osservazione, non sembra sussistere alcun dubbio. La foto del Rover ritrae un manufatto del tutto simile, se non identico, ad una grande porta di pietra. E cosa potrebbe farci una simile costruzione sul suolo marziano? E’ evidente, dicono gli ufologi, che sia un manufatto artificiale, creato da un’antica civiltà presente su Marte.

La questione, tuttavia, non è così semplice come sembra.

Il Rover Curiosity ha inviato e continua ad inviare sulla Terra migliaia di immagini del suolo marziano, molte delle quali sembrano riprodurre oggetti artificiali o simili a manufatti umani. Tuttavia, come provato in altre circostanze, nella quasi totalità dei casi si tratta di un effetto visivo noto come pareidolia, che si verifica quando l’occhio umano associa immagini conosciute ad altre ignote, per così dire umanizzandole e rendendole riconoscibili.

I responsabili della Nasa hanno avuto modo di spiegare che quel che, nel caso di specie, sembra una grande porta di pietra, altro non è che una fessura su una roccia marziana e di piccole dimensioni (ovvero circa 30 cm x 45 cm).

A fronte di questa spiegazione, che si avvale di indagini fotografiche dettagliate anche sulla zona circostante, non manca chi intravvede nel manufatto un’opera edificata da esseri intelligenti, da una civiltà che ha abitato o che ancora oggi continua ad abitare il Pianeta Rosso.

In effetti, l’impatto visivo è talmente forte da far ritenere che si tratti di una porta reale e non di un semplice effetto ottico generato dalla mente umana.

Non resta altro che restare in attesa di altre e più approfondite informazioni.


Sharing

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *