Ufo in un arazzo medievale custodito in Belgio

0
2589

Nel 1538 dC, a Bruges (Belgio) è stato creato un pregevole arazzo noto  “trionfo dell’estate”. Esso raffigura l’ascesa al potere di un sovrano vittorioso. Tuttavia, l’arazzo raffigura qualcosa di molto interessante, in dettagli che è possibile osservare solo da vicino. Si tratta di oggenti volanti, simili agli ufo come descritti dai media nella società moderna.

La città di Bruges è la capitale e la città più grande della provincia delle Fiandre Occidentali, nella regione fiamminga del Belgio, nella zona a nord-ovest del paese. Le origini della città risalgono all’epoca pre-romana ed è stata oggetto di molte invasioni a causa della sua posizione strategica.

Se si osserva la parte superiore del dipinto, soprattutto verso il lato sinistro, è possibile scorgere una serie di oggetti a forma di cappello, oggetti volanti  che non sono riconducibili ad alcuna raffigurazione religiosa.

Alcuni storici hanno suggerito che questi oggetti rappresentano il significato della vittoria e dell’avvento al potere come conseguenza del sostegno ‘divino’. Ma da quando oggetti volanti a forma di disco sono considerati come un simbolo dell’intervento divino? E se lo sono, perché? Se le persone in quel periodo hanno associato dischi volanti alle divinità, vuol dire che hanno osservato tali oggetti nel cielo collegandoli ad un fenomeno ‘divino’. Naturalmente e d’altra parte vi sono coloro che hanno sostenuto che questi inusuali oggetti a forma di cappello siano semplici nuvole scure dalla strana forma.
Il “Trionfo di estate” è custodito al Bayerisches Nationalmuseum, in prestito dalla HypoVereinsbank UniCredit Bank AG. Il museo non ha altre informazioni riguardanti la storia dell’arazzo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui